Un tuffo

NEL CAFFÈ

“Avevo otto anni. Allora il caffè era oro nero: ogni giorno mio nonno ne consegnava un chilo ai locali pubblici. Non un chicco di più. Mio padre lavorava con lui, mia madre anche. Il mio ruolo di allora nell’azienda di famiglia era di giocare con i sacchi di caffè crudo, ancora da tostare. Sento ancora quell’odore buono nell’aria e sulla pelle, rivedo le avventure che immaginavo saltando su quei sacchi…“. Quel bambino è Attilio Bottala, il presidente di Caffè Giordano 1938, torrefazione di Ivrea. Oggi il caffè viene coltivato in più di ottanta Paesi in tutto il mondo. Per la maggior parte le piantagioni sono comprese tra i due tropici e queste vaste e ricchissime aree contribuiscono ad un’offerta molto ampia e sicuramente differenziata, ma si sa: quantità non vuol dire qualità. E’ necessario scegliere. E scegliere bene non è facile.

TORREFAZIONE CAFFÈ GIORDANO 1938

Via Burolo, 22 – 10015 Ivrea (TO)

La grandezza

DEL PICCOLO


Bio-diversità: Caffè Giordano 1938 crede che in questa parola stia la chiave della sua qualità, perché soltanto rispettando le caratteristiche della natura e le diverse esperienze dell’uomo è possibile ottenere prodotti sempre differenziati.

Ogni zona d’origine è un patrimonio da difendere per allontanarsi dall’ormai dilagante omologazione dei metodi di coltivazione e lavorazione operati dalle grandi compagnie, con un conseguente e inevitabile appiattimento del gusto.

Ecco perché la torrefazione artigianale di Ivrea ricerca costantemente le piccole realtà produttive, riuscendo così a selezionare veri e propri cru di caffè.

Miscela,

SINGOLA ORIGINE O CRU?


Le differenze si possono comprendere solo assaggiando. Le miscele sono complesse: hanno bisogno di un lungo e costante lavoro di messa a punto. Il risultato è un sapore rotondo, un equilibrio raffinato e particolarmente armonioso. Le origini, come i cru, hanno invece una spiccata personalità: il loro gusto è sempre molto caratteristico, ricco, intenso, vibrante dei sapori del luogo di origine. Nepal MT Everest, per esempio, cresce in un microclima unico e particolare, il terreno è fertilizzato con concime naturale di bufalo, le ciliegie maturano da novembre a gennaio ed è essiccato esclusivamente al sole. La piantagione sorge ai piedi della catena montuosa del Ganesh Himal a 700 metri di altitudine. E’ l’unico caffè al mondo coltivato a nord del Tropico del Cancro. È profumato di cacao e di fresca scorza d’arancia, il retrogusto ha il pregio di note di zenzero, particolarmente persistenti. L’origine Yauco Selecto, Yauco è una regione del Portorico, rappresenta meno dell’1% della produzione dell’isola. La tutela dei lavoratori, il rispetto dell’ambiente, la selezione durante la raccolta, la cura nella lavorazione dei grani consente di raggiungere una qualità elevata e uniforme. Per un risultato semplicemente sublime: questo caffè viene qualificato come uno dei migliori al mondo.

Punto di degustazione e somministrazione Punto di degustazione e somministrazione
Cottura presso la torrefazione Cottura presso la torrefazione
confezionamento del caffè in grani confezionamento del caffè in grani: sacchetto sottovuoto con valvola

BLACK LION

Etiopia, Arabica naturale

L’assaggio del caffè

BLACK LION ETIOPIA, ARABICA NATURALE

Miscela:
BLACK LION

I caffè d’origine hanno una spiccata personalità: il loro gusto è sempre molto caratteristico, ricco, intenso, vibrante di sapori delle terre di provenienza. Ogni zona d’origine è un patrimonio da difendere, per allontanarsi dall’ormai dilagante omologazione dei metodi di coltivazione e lavorazione operati dalle grandi compagnie che portano inevitabilmente all’appiattimento del gusto. Ecco perché Giordano ricerca costantemente le piccole realtà produttive, riuscendo così a selezionare veri e propri cru di caffè, dato che anche il più piccolo raccolto può avere caratteristiche sensoriali che meritano di essere valorizzate, valori unici da scoprire.

Gusto:

Giordano 1938 presenta Black Lion, caffè gourmet d’Etiopia da gustare in purezza. La tostatura è scura ma uniforme, la crema di spessore, compatta e durevole, di un bel colore nocciola brillante. Black Lion profuma intensamente, è complesso, sono prevalenti i sentori di mirtillo e altri frutti di bosco. Il gusto dell’espresso è avvolgente, l’acidità piacevole della frutta rossa matura si somma al corpo liquoroso. Insomma, un caffè d’origine eccellente, dolce, fruttato e complesso.

Abbinamenti:

Accompagniamo l’eccellente origine d’Etiopia con fragole e lamponi gelée al moscato, gelato al gelsomino con salsa di fragole, spuma di pere e sciroppo di lamponi preparati in bicchierino monodose.

aspetto crema
complessità
aromatica
intensità
aromatica
acidità
amarezza
corpo
astringenza
persistenza

Dal chicco macinato fresco

ALLA TAZZINA


Le macchine superautomatiche macinano i chicchi di caffè all’istante al semplice tocco di un tasto.

Il complesso organolettico di ogni chicco si esprime in pieno con la minima dispersione delle molecole volatili e la massima salvaguardia dell’aroma in tazzina.

Settaggi della macchina

CONSIGLI D’USO


4.5macinatura
normale intensità
normale o ristretto lunghezza

Preparate l’espresso di lunghezza normale, non aggiungete dolcificanti, aspirate il profumo e assaporate un raro esempio in cui la tostatura italiana da espresso, un po’ spinta, riesce a esaltare le note positive del caffè senza nascondere l’origine. Black Lion è versatile, tanto bilanciato da poter reggere con successo qualsiasi tipo di preparazione di caffè nero con Prima Donna Elite De’Longhi: Espresso, Coffee, Long e Doppio.

Guida ai torrefattori

UNA REALTÀ TUTTA DA SCOPRIRE


Un viaggio attraverso l’eccellenza del caffè raccontata dalla voce degli esperti di SlowFood Educa. Le recensioni dei caffè di 25 torrefazioni italiane di alta qualità ed in più tutto quello che c’è da sapere prima di gustare un espresso di altissimo livello.

modale-website